No al cancro intestinale

Menu

Qual è la frequenza del cancro del colon?

Il cancro del colon è il terzo tumore più comune in Svizzera. Ogni anno questa diagnosi viene posta in circa 4300 persone.

Il cancro del colon è la seconda causa di morte per cancro in Svizzera. Ogni anno muoiono nel nostro paese circa 1700 persone per il cancro del colon. Con l’età, il rischio di sviluppare il cancro del colon aumenta notevolmente. Oltre il 90% dei malati di cancro del colon è rappresentato da persone di età superiore ai 50 anni. La maggior parte dei casi di cancro del colon è diagnosticata solo in una fase tardiva, perché gli accertamenti vengono spesso effettuati dopo che si sono manifestati i sintomi e la malattia risulta solitamente già in fase avanzata. Un cancro del colon diagnosticato precocemente nella maggior parte dei casi è guaribile. 

Quali sono i sintomi del cancro del colon?

La prevenzione e la diagnosi precoce del cancro del colon riducono il rischio di malattia e aumentano le possibilità di guarigione. Per questo motivo deve prestare attenzione al suo corpo e non tardare a farsi esaminare. 

I polipi e i tumori allo stadio iniziale generalmente non danno fastidi e possono trascorrere diversi anni prima della comparsa dei sintomi. Si stima che un polipo benigno impieghi circa una decina di anni per svilupparsi in un tumore maligno. Possibili sintomi premonitori sono:

  • sangue nelle feci;
  • tenesmo (bisogno di defecare, senza emissione di materiale);
  • cambiamento delle abitudini di evacuazione;
  • dolore addominale insolito e persistente;
  • perdita di peso inspiegabile;

 I vasi sanguigni di un tumore intestinale si rompono con facilità. Pertanto, la presenza di sangue nelle feci rappresenta uno dei principali segni di cancro del colon.
Un restringimento del lume intestinale dovuto alla presenza del tumore può modificare le abitudini di evacuazione, ad esempio in uno dei seguenti modi:

  • alternarsi di diarrea e costipazione;
  • feci sottili, filiformi;
  • stimolo frequente con defecazione di piccole quantità;
  • emissione di aria accompagnata da feci;
  • forte flatulenza senza fattore scatenante identificabile;
  • crampi dolorosi prima e durante la defecazione;
  • feci dall’aspetto mucoso.

Cause diverse dal cancro possono essere all’origine di questi sintomi, che tuttavia devono essere valutati da un medico.

Quali funzioni svolge l’intestino?

Grazie all’intestino, l’organismo è in grado di assorbire le sostanze nutritive. Questo organo assicura inoltre le funzioni vitali del processo digestivo e costituisce una parte importante del sistema immunitario.

Si distinguono l’intestino tenue e l’intestino crasso. Insieme costituiscono il più grande organo del corpo umano.
Dallo stomaco, gli alimenti predigeriti attraversano l’intestino tenue, lungo dai tre ai cinque metri. In questa sede vengono estratte dal chimo sostanze assimilabili quali grassi, proteine e zuccheri, che verranno in seguito trasportate alle cellule per essere utilizzate come fonte di energia.
Durante il transito, il chimo perviene nell’intestino crasso, lungo circa 1,5 metri, dove sono situate l’80% di tutte le cellule del sistema immunitario dell’organismo umano. L’acqua presente nei residui non digeribili del chimo viene costantemente riassorbita e convogliata nel flusso sanguigno.
Le sostanze non assimilabili vengono raccolte nel retto ed escrete sotto forma di feci.

Come si sviluppa il cancro del colon?

Il cancro del colon si sviluppa solitamente a partire da proliferazioni benigne. Di norma occorrono fino a dieci anni per la trasformazione in tumori maligni. 

All’origine del cancro vi sono per lo più i cosiddetti polipi, escrescenze benigne della mucosa intestinale. Centinaia di milioni di cellule della mucosa intestinale vengono continuamente sostituite nel giro di quattro-otto giorni. Questo rinnovamento cellulare è molto sensibile alle alterazioni e, se compare una sovrapproduzione di cellule, possono svilupparsi dei polipi.
Non tutti i polipi degenerano in cancro del colon. Tuttavia, più grande è il polipo, maggiore è il rischio di cancro.
Di norma, un polipo benigno impiega circa dieci anni per diventare un tumore maligno.
Un tumore maligno può attraversare gli strati della parete intestinale, diffondendosi in altre parti del corpo.

Ulteriori informazioni

Può trovare maggiori informazioni sul cancro del colon, sulla diagnosi precoce e sulla prevenzione qui.